martedì 19 settembre 2017

Preview Harvest

Oggi si torna sul tanto caro (a noi giocatori) tema bucolico, ma con una spruzzata di fantasy in classico stile Tasty Minstrel Games. Andiamo infatti a parlare di Harvest, titolo di prossima pubblicazione in vista di Essen.

Cosa siamo chiamati a fare? Dovremo calarci nei panni di agricoltori che dovranno piantare, innaffiare e raccogliere prodotti della terra, ma non solo... ci sarà anche da ingrandire la fattoria, arare i campi o costruire nuovi edifici tutto in versione piazzamento lavoratori e detta così sembra di dover giocare ad Agricola.

A un impianto regolistico piuttosto comune (alla fine è poco più che un "piazza omino su azione esclusiva ed eseguila") e rodato va a innestarsi l'unica particolarità che ho trovato, il sistema per gestire il primo giocatore.



Come funziona? I giocatori usano un mazzo di 15 carte azione numerate e a cui è attribuita un'azione; più è alto il numero più è forte l'azione ma ovviamente avremo meno probabilità di giocare per primi in quanto nel turno di gioco si segue il valore numerico in ordine crescente. A inizio partita ogni giocatore riceve una di queste carte per stabilire la sua priorità nel draftare la successiva; vi sono sempre 3 carte a disposizione sul tavolo e quando ne prendi una devi lasciare la tua. Ogni turno le carte sul tavolo vengono rimescolate nel mazzo. Le azioni su queste carte, a giudicare dalle immagini che circolano in rete, sono un bel boost al proprio turno e mi danno l'idea di avere una parte fondamentale nella programmazione a breve termine.

Ok, c'è anche un'altra cosa che ho trovato interessante. Si tratta della parte modulare della plancia, che sempre ricordandomi Agricola, aggiunge 1 carta azione per ogni giocatore. Ogni turno queste vengono scartate e ne vengono pescate di nuove. Questo sistema dovrebbe dare una grande variabilità alle partite e donare una profondità tattica notevole premiando l'abilità di leggere le possibilità in tavola. Al tempo stesso la completa casualità della pesca potrebbe far storcere il naso a chi è allergico all'alea... tenete però conto che vengono pescate prima che inizi la giostra dell'iniziativa.

Harvest non cerca di stupire con fuochi d'artificio, ma ha sicuramente attirato la mia attenzione e nonostante non sia nemmeno questo un acquisto a scatola chiusa, penso proprio che cercherò di farci una partita in fiera.

1 commento: