giovedì 29 giugno 2017

MammuZ. Giochiamo a estinguere animali alla faccia della Bramb...

Ultimamente ho cominciato sempre più spesso a regalare giochi agli amici non giocatori, niente di particolarmente impegnativo eh, siamo sempre intorno alla manciata di euro e alla pesca negli outlet di giochi che se non sei un purista apprezzerai sicuramente. In questo target rientrano sicuramente i giochi di carte economici di stampo tedesco, quelli che la Abacusspiele o la Amigo producono ogni anno in quantità industriale. Oggi vi parlo di un prodotto della prima portato in Italia dalla dV Giochi, MammuZ.

Si tratta di una scatoletta portatile con una sessantina di carte e un foglio di regole piuttosto semplici. Le carte hanno una distribuzione piramidale, 2 carte da due, 3 carte da tre, 4 carte da quat... I giocatori (da 3 a 7) dovranno gestire la propria mano di carte e cercare di smerciarle agli altri giocatori dichiarando e mentendo su cosa metteranno sul tavolo coperto; nello stesso round, a turno, anche gli altri potranno mettere in gioco altre carte della stessa tipologia incrementando il branco... ma quando esistono 5 tigri dai denti a sciabola e sul tavolo ne sono state dichiarate 7 c'è qualcosa che non va... infatti il giocatore immediatamente successivo a colui che cala delle carte potrà dubitare e guardare una delle carte appena giocate. Se sgama una bugia, il bugiardo prende in mano tutto il branco, altrimenti è lui a dover prendere in mano tutte le carte... ma se esce un dinosauro spuntano le regolette speciali.

Il gioco si rifà un po' alle dinamiche del Perudo o di Dubito, inserendo un twist fresco e adatto alle famiglie come i poterini dei dinosauri che rendono un po' più frizzante e psicologica (in che posizione del mazzetto giocato avrà messo le carte menzognere?).

A questo c'è da aggiungere che quando un giocatore si trova con tutte le carte di una specie in mano la può scartare immediatamente estinguendola. C'è quindi una contromeccanica in cui si corre il rischio di favorire un giocatore dandogli in mano carte che in realtà potrà poi scartare immediatamente in blocco. Si pongono i dubbi, semplici ma intriganti, di quali e quante carte offrire, se mentire o meno, se spendere un prezioso dinosauro, etc.

Il gioco scala abbastanza bene, anche se in 3 giocatori non da proprio il massimo. Per il resto rispetta bene ciò che promette, anche nella durata contenuta (20 minuti circa) delle partite. Come vi dico sempre, non sono un fan di questo tipo di giochi, ma hanno una loro spendibilità e un motivo di esistete.
Cercate un gioco di bluff compatto e poco ingombrante, anche quando intavolato? Che regga agevolmente fino a 7 giocatori? Che costi poco? Che funzioni anche con chi al massimo ha toccato carte da briscola? MammuZ, con buona pace degli animalisti, potrebbe finire nel vostro carrello in vista delle vacanze in pineta.

3 commenti:

  1. Altra scatolina all'orizzonte. Può essere pane per i miei denti ;-)

    RispondiElimina
  2. mizzeca che orrore

    RispondiElimina