martedì 7 febbraio 2017

Import / Export (Dark Flight)

Monitorando Kickstarter nelle scorse settimane mi è balzato all'occhio un gioco che ha poi scalato la classifica hotness di BGG e si è ritagliato anche un momento di gloria sui social. Al grido di "Glory to Rome incontra Container!" poi, che se siete un minimo addentro il mondo dei giochi sapete quanto siano amati dai giocatori, le fregole di molti si sono accese per Import / Export, gioco di carte e una manciata di cubetti per 2-6 (sei!) pubblicato dalla Dark Flight.

Prima di pledgiare di ignoranza però, mi sono scaricato le regole e ci ho dato un occhio, giusto perché quello slogan non è roba da poco e ricostruire il sistema di Container, con quel cappio asfissiante che può innescarsi e stringersi attorno al collo della partita dando al gioco un sapore quasi unico, non è roba semplice.





Alla lettura quindi ho ottenuto che il turno di gioco si riduce a scegliere tra refillare la mano o spendere una carta per svolgere un'azione; se scegli questa seconda opzione gli altri giocatori possono aggregarsi alla tua azione o refillare. Fin qui niente di male.
Andando a dare una scorsa alle azioni però montano i primi dubbi. Le 5 azioni disponibili sono:
- Build. Si stabilisce un contratto da realizzare e lo si abbina a una nave.
- Load. Si caricano carte container sulle navi con l'obiettivo di realizzare contratti.
- Import. Asta per ottenere carte dalle navi con emorragia di soldi (Container) e contentino di 2 crediti al proprietario della nave.
- Pirate. Attacco diretto volto a rubare una carta da una nave.
- Supply. Vendi una carta per 4 crediti e poco altro.


A questo aggiungete azioni multiple, livelli tecnologici da soddisfare, diversi stati delle carte rispetto alla posizione sulla plancia personale e numero di turni indefinito (è una corsa e la partita termina quando un giocatore raggiunge 50 crediti). Mi sa un po' di mapazzone.
Il gioco permette di fare un po' tutto, in alcuni casi basta giocare più di una carta per effettuare un'azione che altrimenti non si potrebbe avere a disposizione. Diverse di queste ultime cose non mi convincono e se aggiungiamo il ritardo tra l'investimento di una cinquantina di euro rispetto all'attesa di 6 mesi, il mio interesse si è placato. Nel caso altri lo comprassero non esiterei a saggiarne la bontà, ma per questa volta il portafogli resta chiudo e passo.

Nessun commento:

Posta un commento