martedì 1 novembre 2016

Takenoko: Chibis... non chiamiamola solo espansione (il Niubbo)

Perciò fece cadere sul Panda un profondo sonno e, mentre dormiva, prese una delle sue costole e chiuse quindi la carne sul posto d'essa... Allora il Panda disse: "Questa è finalmente osso del mio osso e carne della mia carne. Questa sarà chiamata Miss Panda."

Citazione biblica per Chibis, creatura del duo Bauza-Lebrat e “complemento” è la parola che più si accosta a questa azzeccatissima espansione di Takenoko, in italiano grazie alla Asterion da giocare insieme alla versione base. Il numero di giocatori rimane fissato a 4 e anche la durata di gioco non subisce variazioni attestandosi tra i 30 e i 45 minuti.

Tutti i nuovi materiali sono graficamente simili alla versione base. Tra questi troviamo le nuove carte obiettivo, alcuni pezzi di bambù aggiuntivi, i segnalini cucciolo, la miniatura di Miss Panda e le nuove tessere terreno.  Queste ultime sono le sole non perfettamente identiche nei colori alle originali. Non so se sia stato fatto di proposito per invogliarne la pesca ( alcuni terreni sono veramente golosi ) ma questo, di fatto, le rende riconoscibili. Il difetto non influisce minimamente sul gameplay. Se volete vederli meglio potete farlo qui.

Se fosse stato per me avrei promosso questo titolo a mani basse vista la mia ammirazione per il simpatico animale ma ho preferito raccogliere qualche ulteriore feedback per un giudizio più obbiettivo. Il risultato tra gli appassionati vede un alto indice di gradimento tra chi conosceva e apprezzava già la versione base.


Rivolto ad un pubblico famigliare, Takenoko fonde una colorata ed accattivante grafica ad una serie di facili meccaniche. Avevamo approfondito in un precedente articolo come ci si potesse avvicinare al gioco con una certa dose di tattica che lo rende appetibile anche a giocatori più esperti.
Un piccolo punto debole guardandolo in chiave german è la componente fortuna dettata sia dalla pesca di obiettivi che dalla pesca dei terreni nonché l'alto tasso di interazione tra i giocatori. In effetti meglio non guardarlo affatto in chiave german...


Il lavoro svolto su questa espansione è stato proprio quello di limitare l'alea oltre ad ampliare il raggio d'azione per i giocatori. Anche se serve una costante pianificazione riguardo agli obiettivi da pescare, nella versione base poteva capitare di non riuscire a svolgere alcune azioni, magari dopo il lancio del dado bonus. Questo ci costringeva o a rinunciare all'azione oppure a svolgerla “a caso” trovandoci così costretti a mangiare un bambù che poi non ci sarebbe servito. Dopo diverse partite posso affermare che: "Azioni perdute goodbye!".
Non si vuole mangiare bambù a caso? Si può allora muovere Miss Panda per un amoroso e prolifico incontro oppure muovere il Panda in un territorio neutro per soddisfare alcune delle nuove carte obiettivo.
Qualcuno si lamentava perché pescava tutti gli obietivi difficili? Potremo correre al capanno del giardiniere e scambiare le carte che riteniamo difficili.
Oltre a questo, ulteriori nuove carte obiettivo che stimolano molto l'ingenio collettivo e di fatto portano nuova linfa ad un titolo già collaudato.

Dopo la prima partita Takenoko Chibis ha trovato subito posto nella scatola della versione base, a lui si è unito e guai a chi li vorrà separare. Lo trovo un matrimonio perfetto con accorgimenti che non appesantiscono troppo il regolamento ma esaltano le meccaniche base. Se si giocasse con puri nababbi magari una partita meglio farla prima al gioco base ma vedrete che il passo successivo di inserire l'espansione sarà del tutto naturale. Confermate quindi le sensazioni positive ed un incoraggiamento a provare quanto prima questo titolo veramente simpatico.

1 commento:

  1. Purtroppo ancora non l'ho provato, ma mi sto accorgendo come i panda di Takenoko ricordano sempre più le sorpresine Kinder :D ahah

    RispondiElimina