giovedì 6 ottobre 2016

Ulm... ancora cattedrali! (ilBotta)

Uno dei titoli che avevo adocchiato con particolare interesse tra le uscite per Essen, è stato Ulm, titolo di Burkhardt (autore che in collezione non ha ancora trovato spazio) illustrato dal bravissimo Menzel, dove da 2-4 giocatori, si impegneranno per costruire una cattedrale. Lo so, come tema è usato alla grande, e non presenta niente di innovativo, ma nella lettura del regolamento qualcosa è scattato e ha destato il mio interesse. Aggiungeteci la news da parte della Dv giochi della distribuzione del gioco con regolamenti in italiano e il gioco è stato fatto!

Il setup non è velocissimo, dato che dobbiamo montare la cattedrale, mescolare carte, posizionare tessere e stemmi e token vari su determinati spazi sulla plancia, mettere in un sacchetto altri token azione e posizionarne 9 su una scacchiera sulla plancia. Poi ogni giocatore riceve 1 segnalino chiatta di legno, 2 monete, 13 sigilli(token tordi di legno) 2 token passeri e 1 tesserina azione. A questo punto si può iniziare. I turni sono "scanditi" dal posizionamento nella torre della cattedrale 3D di una tessera che mostrerà i bonus/malus comuni nel turno. Durante ogni turno (di 10 che determinano la durata del gioco) si eseguono 3 passi, 2 obbligatori e 1 facoltativo.



Passo 1: pescare dal sacchetto 1 tesserina azione e inserirla nella scacchiera, precedentemente riempita, traslando di conseguenza dalla fila una tesserina azione.
Passo 2: eseguire le 3 azioni della fila in cui abbiamo inserito la tesserina pescata dal sacchetto e appena inserita.
Le azioni possibili sono: Prendere una moneta, prendere le tesserine spinte fuori precedentemente dalla scacchiera, comprare o giocare una carta (che permettono di ottenere bonus durante il gioco o punti a fine partita), muovere la chiatta sul fiume, piazzare un sigillo in un quartiere adiacente alla nostra chiatta.
Passo 3: giocare o comprare una carta.

Alla fine del decimo turno (ma anche durante il gioco giocando determinate carte) si contano i punti ottenuti con i token passeri, dalla posizione della nostra chiatta sul fiume e dalle carte giocate davanti a noi. Questo è in due righe veloci il gioco, ma c'è molto altro!

Per farvi capire oltre al regolamento di 8 pagine, nella scatola troverete anche un altro manuale di 18 pagine che elenca il significato delle varie carte, tessere, tesserine, icone etc etc...oltre a spiegare e implementare altre regole di gioco (come ad esempio i discendenti che danno determinati bonus, altri bonus ottenuti dal posizionamento dei propri sigilli nei quartieri e altro ancora).

Quindi nel complesso un bel titolo, che oltre a cose effettivamente già viste ( il tutto mi ha ricordato alla prima lettura Bruges di Field) inserisce alcune cose nuove, come l'inserimento delle azioni nella scacchiera, cosa che non ricordo di averla vista da altre parti. Come detto nel l'introduzione il titolo sarà DISTRIBUITO dalla nostrana Dv giochi a partire dal 10 ottobre e il prezzo indicativo sarà sui 40€ prezzo nella media in base al contenuto della scatola.
Ho sottolineato il fatto che sarà distribuito e non localizzato perché il gioco prevede 33 carte alcune con 2 righe di testo IN INGLESE. Nel manuale sarà presente una pagina che spiegherà la carta, ma per dovere di cronaca ribadisco che le carte, per ora, non verranno tradotte in italiano.

Chiudo articolo elencando i componenti del gioco. Vi ho stuzzicato la scimmia?

1 tabellone, 1 Cattedrale (da assemblare), 12 tessere della Torre (mostrano il numero del round), 1 carta del Giuramento (segnalino giocatore iniziale), 50 tessere Azione, 4 chiatte nei colori dei giocatori, 52 sigilli nei colori dei giocatori, 12 stemmi Nobiliari nei colori dei giocatori, 33 carte (in inglese), 12 stemmi Cittadini, 8 tessere dei Discendenti, 26 monete, 30 passeri (uccelli onnipresenti a Ulm), 1 sacca in tela, libro delle regole, Cronache di Ulm

2 commenti:

  1. Beh, le Cattedrali funzionano sempre bene nei giochi da tavolo. Ulm sarà sicuramente un bel gioco!

    RispondiElimina
  2. In un gioco del genere potevano almeno far spazio a 6 giocatori... secondo me

    RispondiElimina