venerdì 5 agosto 2016

Unboxing Haspelknecht (Quined Games)

Alle volte la scimmia ti sale per un blockbuster, per il prodotto che ha una grafica che più mainstream di così non si può e che porta in bella vista sulla copertina il nome di uno degli autori di riferimento; altre volte ti sale per il commento di un amico su un gioco poco reclamizzato e che si è guadagnato giusto qualche riga su Giochi sul nostro tavolo, in una delle puntate del listone preEssen fedelmente compilata da Fabio.
Questa seconda eventualità è il caso di Haspelknecht: The Story of Early Coal Mining, titolo della Quined Games (piccola casa editrice olandese) che raccoglie l'eredità della Spielworxx e permette a Spitzer di concludere la trilogia del carbone (gli altri due titoli sono Ruhrschifffahrt 1769-1890 e Kohle & Kolonie) con un piazzamento lavoratori per 2-4 giocatori della durata indicativa di 60-90 minuti dal peso medio e con una buona dose di interazione.

Come potrete vedere i materiali sono solidi e abbondanti, la grafica bucolica è molto particolare, sporca e buia come era la vita dei minatori nella Ruhr del 16° secolo. Del gameplay magari ne riparliamo in una eventuale recensione, vi anticipo infatti che il gioco ci è piaciuto molto e nonostante un regolamento un poco ostico, dalla prima partita questo inverno a oggi abbiamo trovato pochi altri giochi così appaganti.
Senza ulteriore indugio vi lascio al video e vi invito a iscrivervi al nostro canale YouTube.


2 commenti:

  1. Haspelknecht non lo conosco, corro a vedere il video!

    RispondiElimina
  2. Sembra interessante... mi piace anche la grafica... un gioco per veri gamers direi... da provare....

    RispondiElimina