martedì 28 giugno 2016

Ticket to Ride Rails & Sails (il Compulsivo)

Days of Wonder ha annunciato che a Gencon 2016 presenterà il nuovo gioco della serie Ticket to Ride: Rails & Sails, non un'espansione ma un prodotto stand alone progettato Alan R. Moon che ci permetterà di giocare su una plancia che contempla tutto il mondo. Da 2 a 5 giocatori si impegneranno dunque a piazzare navi, treni e porti per raggiungere l'obbiettivo indicato dai propri biglietti.
Ho scritto "mondo", ma la plancia sarà double face e sul retro troveremo la mappa dei grandi laghi, un setting che si presta perfettamente alla novità che avete letto nelle prime righe... l'introduzione di un nuovo mezzo di trasporto: le navi.

Sulla plancia infatti saranno tracciate connessioni di due differenti tipologie, ferroviarie e marittime, che dovremo completare con i rispettivi pezzi previo approvvigionamento di carte (anche in questo caso di due tipologie) in cui il jolly varrà per entrambe le categorie. Come potete vedere nell'immagine anche la nave sarà ben modellata, a mio giudizio di ottima fattura per un gioco di questo tipo, come ci ha abituato DoW nella cura dei materiali.
A livello regolistico la fase di setup acquisisce una nuova dimensione, infatti, i giocatori saranno chiamati a decidere, dopo aver visto i loro biglietti iniziali, quanti con quanti vagoni e navi giocare, considerando sempre che la fine del gioco scatta al termine di questi segnalini. Questa scelta non dovrà essere esageratamente punitiva, visto il target del gioco, ed è infatti fa la sua comparsa una nuova regola: lo scambio. Sarà possibile scambiare una nave per un vagone o viceversa al costo di un punto vittoria.

Anche i biglietti si arricchiscono di una nuova dinamica con l'introduzione degli Itinerari. Questa nuova tipologia di obiettivi è molto remunerativa ma più difficile da realizzare, non indica solo due estremi da connettere ma anche le tappe esatte e l'ordine in cui devono essere realizzate. Sarà possibile completare l'itinerario anche in un ordine diverso ma al costo di un punteggio inferiore. Come per gli altri obiettivi anche il mancato completamento di questa tipologia comporterà una penalizzazione... particolarmente pesante.

Ultima novità rilevante sono i porti. Andranno costruiti sulle città che possiedono l'icona dell'ancora e che già abbiamo raggiunto con una nostra connessione, spendendo due carte vagone e due nave. Il punteggio che apportano è significativo, anche 40 punti, in base a quante volte compare quella città sugli obiettivi completati a fine partita. I porti avanzati a fine partita comporteranno un punteggio negativo.
A tutto questo aggiungete qualche modifica minore come tratte speciali (doppie), carte speciali (doppie) e un flavour di sicuro impatto e avremo un prodotto che si ritaglierà uno spazio sullo scaffale di molte persone. La questione però è se questo gioco merita davvero tutta questa attenzione. Non sono un accanito giocatori di TTR e non conosco tutte le espansioni e le mappe, ma mi sembra che questo Rails & Sails non raggiunga le vette di altre idee applicate a questa famiglia. Sarà un prodotto trito e trito? O Moon avrà fatto un passo in avanti nella modernizzazione del suo sistema e avrà proposto un gioco che faccia ancor meglio da ponte tra le famiglie e il gioco da tavolo? Non resta che procurarselo.

3 commenti:

  1. Ti dico la verità. "Ticket to Ride" non mi ha mai fatto troppo impazzire. Sarà che di tutti i german classici, è quello che mi ha preso di meno... Però a Rails & Sails una change ce la voglio dare.

    RispondiElimina
  2. Interessante questa news.... da provare.. per gli amanti del genere

    RispondiElimina
  3. Interessante questa news.... da provare.. per gli amanti del genere

    RispondiElimina