martedì 26 aprile 2016

FAKIR, vi inchioderà al tavolo? (il Compulsivo)

Non amo particolarmente i giochi astratti, ma spesso questi esercitano un fascino magnetico per la loro componente materica, per l'essere anche oggetto dotato di un design. Proprio questo mi ha colpito alla lettura dell'articolo di ludo le gars a proposito di FAKIR, rompicapo prodotto dalla Ludarden, one man show francese al suo sesto gioco, di cui FAKIR è la novità del 2016 (tanto che non si trovano ancora informazioni sul sito).

Il gioco è composto da un parallelepipedo di legno forato in 9 punti per lato, che si incontrano creando 27 punti di intersezione; la dotazione si completa di una serie di bastoncini in plastica in quattro colori.



Lo scopo del gioco è quello di eliminare uno alla volta gli altri giocatori, questo accadrà nel momento in cui esauriranno i loro bastoncini, infatti, ogni volta che non è possibile inserire se ne dovrà scartare uno. Le regole di inserimento sono semplici:
- posso piazzare orizzontale liberamente o verticalmente se il bastoncino non passa attraverso tutto il blocco (deve incontrare un bastoncino orizzontale);
- se almeno due bastoncini del proprio colore sono verticali è possibile rimuovere un bastoncino orizzontale di qualunque colore riprendendolo (se del proprio) o sostituendolo con un altro verticale (se di un altro colore);
- se rimuovendo un bastoncino orizzontale faccio cadere fino a terra dei bastoncini verticali, questi sono eliminati dal gioco.
In tre regole abbiamo un gioco potenzialmente interessante, con un magnetismo al tavolo non da poco per il genere e trasportabile. Non sono un intenditore ma, a meno che vengano proposte regole di aggiustamento (diminuiscono i bastoncini in gioco?), potrebbero esserci dei problemini al variare del numero dei giocatori (con 4 colori il blocchetto si riempie molto velocemente...) e nella differenza tra primo e ultimo giocatore. Non so se mai lo comprerò, ma intanto me lo sono segnato, anche perché la scimmia per Quarto! è al momento ancora la più insistente.

6 commenti:

  1. Di primo impatto mi ricorda un Jenga... Ma molto, molto migliorato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. però non è un gioco di destrezza, è solamente logica

      Elimina
  2. Sembra interessante.. Anche se non mi è proprio chiara una cosa. Facciamo conto che all'inizio del mio turno io ho già piazzato tutti i miei bastoncini, quindi ne ho zero, che si fa?
    Immagino che si possa riprendere uno dei bastoncini già messi e riposizionarlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se non puoi piazzare (azione 1) e non puoi rimuovere (azione 2) sei eliminato. ma aspetto di poter leggere il regolamento

      Elimina
    2. Quindi anche solo rimanere con un solo bastoncino in gioco provoca l'eliminazione, perché devi averne minimo 2 per poter eseguire l'azione di rimuovere

      Elimina
    3. penso di si, infatti il francese di cui leggevo l'articolo scrive che a un certo punto capisci come va la partita, chi è in vantaggio e che stai per venire eliminato

      Elimina