giovedì 22 ottobre 2015

Blue Orange Games a Essen 2015 (il Compulsivo)

Dopo aver pubblicato la preview di New York 1901 ho avuto il piacere di essere contattato dai ragazzi della Blue Orange Games per fare due chiacchiere a Essen e buttare un occhio su quanto stessero proponendo in fiera. Ad accogliermi al loro stand ho trovato enormi pile del loro nuovo gioco e dimostratori in abiti dello scorso secolo ad aggirarsi tra i tanti tavoli apparecchiati.

In un angolo della loro zona faceva bella mostra di sé una versione gigante di Dr. Eureka, ennesimo lavoro di Roberto Fraga, che permette a 2-4 giocatori di sfidarsi a un enigma classico riproponendolo in chiave moderna in due versioni, sfida di velocità e calcolo dell mosse necessarie (Ricochet Robots). Le sue peculiarità?
Grafica accattivante, materiali più che buoni, costo non esagerato, dinamiche conosciute e coinvolgenti... risultato, il gioco a fatto sold out il sabato. Se cercate un dexterity che possa anche dare qualcosina in più, dategli un'occhiata.


Il secondo titolo provato è stato Brix, astratto per due giocatori presto in vendita, progettato dalla coppia Denoual / Chevallier, autore il secondo che si sta ritagliando il suo spazio negli ultimi anni e che continuerò a tenere sotto osservazione. Il gioco è una variante del Forza 4 (questo l'obiettivo finale) in cui i giocatori vincono con una combinazione di un colore o di un simbolo. I pezzi del gioco sono parallelepipedi che contengono tutte le combinazioni simbolo/colore e possono essere posizionati sia orizzontalmente che verticalmente, esattamente sopra ad altri pezzi oppure sfalsati. Dopo qualche incertezza dovuta a un'astinenza da astratti ho preso il ritmo e vinto la partita. Nonostante non ami questo genere il gioco mi ha intrigato, anche se non credo risolva la ripetitività del suo predecessore.


Ultimo gioco affrontato: Guess What! progetto incredibilmente simile a Codenames con chiaramente idee riprese da Dixit. Il giocatore di turno deve far indovinare utilizzando una parola o una frase delle immagini selezionate tra 9 in una tabella, una per ognuna delle tre colonne. Il giocatore di turno ottiene punti per ogni avversario che indovina la combinazione (ma 0 se indovinano tutti), e gli stessi avversari che azzeccano la soluzione ottengono punti. Il gioco termina quando si esaurisce la pila di tesserine immagine. Anche in questo gioco si propone il dubbio tra l'essere troppo esplicito o troppo critico, e alla prova pratica, intavolato con una coppia di non giocatori funziona. I counter personali che permettono la scelta simultanea e segreta sono una soluzione interessante, ma ne avrei messi un altro paio portando il gioco fino a 6 giocatori. Se cercate un gioco di questo tipo senza voler spendere troppo, i buoni materiali e il prezzo contenuto potrebbero fare al caso vostro.

1 commento:

  1. Mentre leggevo questo post, mi sono anche fatto un salto sul sito della Blue Orange Games. Ha belle cosette, non me lo immaginavo. Brix e Guess What potrebbero interessarmi

    RispondiElimina