martedì 15 settembre 2015

Star Wars: Empire vs. Rebellion (il Compulsivo)

Mentre si susseguono immagini, indiscrezioni e speculazioni sul settimo film di Star Wars in uscita per fine anno, sale anche la febbre per i giochi che sfruttano questa licenza. Fantasy Flight Games continua a proporne e i giocatori continuano a comprarne... giusto in questi giorni uno dei ragazzi si è comprato Assalto Imperiale. Per la rubrica di giochi per due giocatori però oggi parliamo di un titolo che abbiamo unboxato qualche mese fa: Star Wars: Empire vs. Rebellion, reimplementazione di Cold War: CIA vs KGB.

Le regole si possono riassumere in poche righe: i giocatori si schierano ognuno per un lato della forza prendendo il relativo mazzetto di carte, poi possono lievemente personalizzarlo grazie a una manciata di personaggi con abilità speciali utili nella gestione delle carte in tavola (ma una volta attivati saranno molto meno efficaci). Ogni manche di gioco si dovrà giocare una carta strategia segretamente (porta un po' di incertezza ed elimina l'informazione completa) e vedrà rivelata una carta missione da conquistare giocando carte in una sorta di Black Jack dove l'obiettivo è non sballare prima dell'avversario.


Durante il proprio turno il giocatore può scegliere una tra le seguenti azioni:
- pescare e giocare una carta sul tavolo;
- attivare una carta già giocata in precedenza, ruotandola poi orizzontalmente;
- riportare in posizione verticale (attivabile) una carta spendendo un segnalino influenza;
- passare;
Le carte del proprio mazzo riportano un valore numerico e un potere molto semplice.
Le carte missione riportano quattro informazioni: il limite di carte giocabili da ciascun schieramento, il valore massimo totale delle carte di ciascun schieramento oltre il quale si sballa, il valore in termini di punti vittoria e il numero di token influenza che si ottengono vincendo la carta.


Il gioco è di una semplicità disarmante, e per quanto in balia della fortuna nella pesca delle carte, leggere la migliore azione possibile è comunque una sfida interessante. La durata indicativa è di circa 60 minuti, ma nella realtà, prendendo un minimo di dimestichezza con i poteri, non si va mai oltre la mezz'ora.
Se vi occorre un fillerino da viaggio (scatola quadrata compattissima), poco costoso e con un forte appeal dato dall'ambientazione (completamente slegata dalle meccaniche) resa dalle evocative immagini tratte dalla trilogia originale, questo gioco può fare per voi.


1 commento:

  1. Davvero bello! Peccato che è 2 giocatori... Noi siamo "troppi" a giocare, ahaha

    RispondiElimina