martedì 11 agosto 2015

Essen 2015 watchlist - Isle of Skye

L'isola di Skye si trova in Scozia, nella regione delle Highland, e offre viste mozzafiato e ottimo whisky. Proprio con questi elementi ci invita a giocare la Mayfair Games, che ha deciso di portarci in viaggio in queste gaeliche terre con Isle of Skye: From Chieftain to King, gioco per 2-5 giocatori del duo Pelikan/Pfister fresco di SdJ.

Lo scopo del gioco è quello di ottenere il maggior numero di punti alla fine di 6 turni di gioco nei quali ci saremo procurati tessere (un'asta cieca molto interattiva) da piazzare (regole di coerenza classiche + piazzamento per spigolo in comune) in una zona personale. Alla fine di ciascun turno vi è una fase di scoring determinata dalla combinazione dei criteri di 4 tessere estratte casualmente a inizio partita (tra 16).


Il cuore del gioco è la fase di asta. Ogni giocatore pesca 3 tessere, le ordina davanti al proprio schermo, poi dietro di esso decide tramite un token quale scartare e che valore attribuire (minimo 1 moneta) alle altre due. Poi i giocatori rimuovo gli schermi e scartano le tessere indicate dal token. Ora a turno possono comprare una tessera da un avversario pagando con le monete ancora in loro possesso il valore indicato. I giocatori devono quindi costruire la tessera eventualmente acquistata e quelle ancora davanti a se, nel caso ne siano rimaste, scartando le monete precedentemente attribuite.
Trovo interessante questa idea che dovrebbe innescare dinamiche molto interattive. La decisione tra lo spendere molto in fase d'asta per proteggere le tessere pescate o il risparmiare sperando di poter rubare qualcosa di interessante è di per se valida, ma se aggiungiamo anche la valutazione di cosa scartare per negare punti agli avversari o al contrario di cosa tenere per ingolosirli e venire a comprare riempiendo le nostre tasche... bhe, considerando che non sono un fan del piazzamento tessere questa cosa mi intrippa.

I criteri di valutazione molto vari, si passa da una semplice valutazione delle icone presenti sulle tessere costruite a criteri più complessi di area enclosure, maggioranze, connessioni, oro in saccoccia, collezione set e altro ancora.
Quattro criteri per volta, abbinanti in maniera differente (e sempre più pesante) nel corso dei 6 turni, come potete vedere nell'immagine a lato.
Varietà delle partite assicurata. Longevità? Probabilmente anche.

In definitiva, un titolo da tenere d'occhio che potrebbe ritagliarsi un piccolo spazio nella sua categoria; probabilmente solido e con qualche sprizzo nelle meccaniche (completamente slegate dall'ambientazione), ne prevedo un compulsivo acquisto nel caso mi capiti tra le mani nel momento giusto.


2 commenti:

  1. Penso che potrebbe piacermi. Ha buoni spunti, e sopratutto ci sono le aste!

    RispondiElimina
  2. potrebbe essere interessante. da provare. gli dò una possibilità. whisky e scozia sono due argomenti molto convincenti, ma credo che non saranno calati più di tanto nel gioco. vedremo. tu intanto compra Remo, che poi se ne parla. :)

    RispondiElimina