martedì 17 febbraio 2015

Super Farmer (il Papone)

Vivo in campagna e amo gli animali, soprattutto quando finiscono nel piatto sotto forma di enormi costine, costolette, costate, etc. Ma non avrei mai detto che il gioco che più ha appassionato la mia famiglia, nonni compresi, mi facesse calare nei panni di un paffuto allevatore a metà tra un Cowboy Americano e uno Australiano. Ma questo è il ruolo che assumi quando giochi a Super Farmer edito da Granna e localizzato e distribuito in Italia da Red Glove.

Fino a 6 giocatori (età consigliata 6+) possono infatti gestire un allevamento costituito da plance personali dove lo scopo finale è quello di avere almeno un animale per tipo tra conigli, maiali, pecore, mucche e cavalli. Tirando due dadi scopri con quali animali un immaginario allevatore arriva nella tua fattoria per far riprodurre il bestiame. Ogni coppia di animali che si viene a formare genera un piccolo che arricchisce la tua fattoria. Gli animali devono essere venduti per comprare altre specie e farti crescere. Ma attenzione... nelle vicinanze ci sono anche volpi e lupi pronti a sbranare le tue mandrie, e se non ti sei dotato di cani addestrati per scacciarli potresti di colpo trovarti senza bestiame.

Il gioco è velocissimo da imparare, con un setup pressoché inesistente e qualche paginetta di regole. A mio avviso ci sono alcune delucidazioni che andrebbero fatte nel regolamento, ma intuisco che si sia voluto di proposito lasciare al gioco una struttura libera e snella. I piccoli sono attratti perché ci sono 120 tasselli raffiguranti animali, tasselli tondi come fiches e di cartoncino spesso che è un piacere impilare o tenere in mano, e alcuni piccoli cani di plastica che devono assolutamente avere. Il gioco ti fa davvero sentire di avere la tua mandria. La curiosità che mi ha colpito, è che questo gioco è stato creato a Varsavia nel 1943 da un matematico polacco durante la guerra. Le famiglie compravano questo gioco e anche in tempi bui come quelli il gioco donò gioia ai piccoli, ma aiutò anche gli adulti a sopravvivere alle dure e tristi serate dell’occupazione nazista.

1 commento:

  1. Capolavoro assoluto.
    Io metterei obbligatorio un Super Farmer in ogni lista nozze \ battesimo.

    RispondiElimina