martedì 19 agosto 2014

Intervista a Mario Sacchi di Post Scriptum (il Compulsivo)


Da qualche tempo seguo le avventure fumettistiche di un drow basso e poco abile con le ragazze. Vediamo come questo collide con il mondo dei giochi da tavolo.

Ciao Mario, ti andrebbe di presentarti per coloro che ancora non ti conoscono?

Ciao Remo, la risposta breve è che sono un editore di giochi in scatola e il mio sito è http://www.postscriptum-games.it/. A questo possiamo aggiungere che organizzo eventi con le due associazioni ludiche di cui sono consigliere e cerco di essere attivo su internet nel rispondere a chi ha dubbi o domande sul nostro settore. Ho tenuto anche alcune conferenze e seminari universitari, in merito. Ho un blog personale dove parlo di tutto questo e una volta al mese mi permetto di commentare anche le partite che faccio ai giochi altrui :)

Per finire, sono appassionato di misteri visti alla luce del metodo scientifico e ne parlo, in modo che vuole essere leggero e ironico, sul mio altro blog: La Piramide delle Bermuda (in ogni articolo consiglio anche un gioco collegato all'argomento trattato).

Puoi fare un bilancio della vostra attività e degli ultimi giochi proposti?

La nostra attività è in forte crescita, negli ultimi anni, soprattutto grazie al gioco Fun Farm di Luca Bellini, che ormai ha superato le 50.000 copie vendute ed è distribuito in tutto il mondo. Per noi è stato un punto di svolta importante, che ci ha aperto nuovi canali e probabilmente indirizzerà fortemente la nostra linea editoriale nei prossimi anni.

Come procede il lavoro di consulenza che offrite?

Per quasi tre anni, dal 2010 al 2013 ci siamo occupati solo di consulenze. Non è stato un fatto programmato, ma semplicemente una conseguenza di alcune decisioni editoriali slegate l'una dall'altra e non sempre dipendenti dalla nostra volontà. Fortunatamente, in quel periodo abbiamo conosciuto Placentia Games che ci ha affidato giochi su cui ci è piaciuto molto lavorare. Ora a dire il vero abbiamo invece molta carne al fuoco a marchio nostro, quindi credo che saremo impegnati principalmente su quello, però continuiamo a ricevere richieste e lavoreremo per soddisfarle. Quindi per il futuro ci sono almeno un'altra consulenza dedicata agli appassionati con Placentia Games e almeno un paio per associazioni o editori che si rivolgono al grande pubblico, sullo stile di Golden Goal. Sì, è parecchio lavoro, ma basta organizzarsi e si riesce a fare tutto :)

Abbiamo notizia di un paio di novità. cosa ci puoi dire dei nuovi giochi che proporrete?

Beh, a dire il vero ormai è stato tutto annunciato:
A ottobre uscirà il gioco di Drizzit, la popolare striscia a fumetti di Luigi Cecchi (in arte Bigio) che sta avendo moltissimo successo su facebook.
Il gioco, i cui autori sono Bigio stesso e Andrea Chiarvesio, è un card game collaborativo in cui i giocatori devono affrontare nemici e trappole per sconfiggere i tre boss finali. Le carte sono piene di battute e danno vita a molte situazioni divertenti in pieno stile Drizzit.
Per Placentia Games invece abbiamo lavorato all'espansione di Florenza Card Game e alla ristampa di Florenza gioco da tavolo (entrambi di Stefano Groppi). I giochi sono annunciati per Essen e riguardo al gioco da tavolo c'è anche una campagna kickstarter a cui magari i vostri lettori vogliono partecipare :)

Avete già accordi di distribuzione in italia?

Sì, Drizzit sarà distribuito da Raven Distribution, come già successo per i giochi precedenti, mentre i giochi di Placentia sono affidati a HCD

Quando arriveranno e su che fascia di prezzo si assesteranno?
Drizzit sarà in vendita a 19.90€

Quando ti ho chiesto delle novità però puntavo anche ad altro. Noi abbiamo partecipato al concorso per dare un titolo a un vostro gioco, e di questo non ci hai ancora parlato...

Stiamo aspettando una risposta da un importante distributore estero. Appena ce la darà ne sapremo di più anche noi :)

Grazie per queste informazioni. Prima di chiudere, hai la possibilità di dire qualcosa ai nostri lettori.

Allora ne approfitto per segnalare la serie di post che stiamo facendo sul blog di Post Scriptum, in cui il freelance Lord Fiddlebottom racconta la nostra storia mettendo in luce tutti gli errori di inesperienza che abbiamo fatto in passato.
La prima puntata è qui. Per leggere le altre basta seguire i link:
Inoltre abbiamo in programma di scrivere alcuni post che spieghino alcuni aspetti del lavoro di editore che, a giudicare dalle domande che mi vengono fatte, non sono per nulla chiari al pubblico.

Ringraziamo Mario per la disponibilità e invitiamo i nostri lettori a dare un'occhiata alla pagina di BGG di Post Scriptum per una panoramica dei loro giochi.

Nessun commento:

Posta un commento